Armando Tanzini

Amo l’Africa, l’amo per le sue qualità infinite e per i suoi difetti, l’amo perché è innocente e povera, l’amo più di me stesso, come amo i miei vicini, ricchi e poveri – inquieta-  questi sono i segnali. Perché non cambiamo atteggiamento in questo mondo dimenticato messo sotto l’Equatore?

I love Africa, I love it with its endless qualities and its anful defects, I love it because it’s innocent and poor, I love it like I love all my neighbors, also the rich one, but the poor — uncomfortable — are signals. Why don’t we turn our head to this forgotten world placed under Equator?

LA BIOGRAFIA

Nato a Livorno nel 1943, da molti anni vive e lavora a Malindi in Kenya. Giovanissimo ha frequentato lo studio di un vecchio pittore livornese amico di Modigliani. Successivamente ha seguito dei corsi al Liceo Artistico di Firenze, all’Accademia di Belle Arti di Roma e all’Ecole des Beaux Arts di Parigi.

Armando Tanzini

L’elefante è un simbolo del centro di creatività che ho creato nell’ultimo lembo di foresta sulla Baia di Casuarina a Malindi, un Lodge in continua trasformazione, onorando la natura e aspettando nuovi amici.

The elephant is a symbol of the creativity center that I created in the last part of Casuarina Bay in Malindi, a continually changing Lodge, honoring nature and waiting for new friends.

 

Cavalli per raggiungere l’intuizione, per sentire il piacere sottile del vento tra le labbra, con gli occhi socchiusi al visibile per assaporare ciò che realmente conta, l’invisibile.

Horses to reach intuition, to feel the subtle pleasure of the wind between the lips, with half-open eyes to the visible to understand what really matters, the invisible

“L’Africa madre è come un uovo primordiale che ci responsabilizza nel mondo materiale, amo l’Africa, l‘amo per le sue qualità infinite e per i suoi difettiSalva

Salva

Salva

Opere
Mostre e Rassegna Stampa